Archivi Blog

Cuoricini al profumo di Glicine

In questo periodo la primavera esplode con i suoi colori e profumi…e nel giardino del convento dove si trova il mio ristorante c’è un pergolato carico di fiori di glicine che emanano un dolce profumo. DSC_0623 Questo ristorante si trova nella campagna tra Montaione e San Gimignano ed è di proprietà dei miei suoceri dal 1974. Questa è una zona bellissima con panorami mozzafiato e poi che dire il nostro ristorante si trova proprio al centro del Complesso chiamato Gerusalemme di San Vivaldo. Ma veniamo al Glicine, pianta rampicante originaria della Cina e del Giappone, dai fiori violetti riuniti in grappoli, profumati e dolci (Glikis in greco significa proprio “Dolce”). Per i Giapponesi e i Cinesi ha il significato di by Deal Top” href=”#”>amicizia….quella vera. In fitoterapia il Glicine ha proprietà energetiche.                        Ma veniamo alla ricetta:

Ingredienti:

130 gr di Farina d’Orzo

20 gr Amido di Mais

70 gr di Burro all’Olio

60 gr di zucchero di Canna

Scorza di un Limone

Un pizzico di Sale

1 cucchiaino di Cremor Tartaro

Una manciata di Fiori freschi di Glicine

Procedimento:

Per prima cosa, setacciare le farine il lievito, aggiungere lo zucchero, il pizzico di sale, e la scorza grattugiata del limone e la manciata di fiori, poi porre al centro il burro all’olio e impastare energicamente…se l’impasto dovesse risultare troppo duro aggiungere del latte di soia. Quindi formare una palla e stenderla con il mattarello.

DSC_0625

Con l’aiuto delle formine tagliare l’impasto e trasferire i cuoricini su una placca da forno foderata con carta da forno e infornare a 170 ° per 15 minuti circa.
DSC_0626
Togliere dal forno, impiattare e servire spolverizzati con zucchero a velo aromatizzato al Glicine che posterò in seguito.

Adesso tocca a voi…..Buon Appetito!!!!!

DSC_0641

Annunci

Torta Salata con gli Strigoli

11082259_928616577203108_3136077530972164542_o

La primavera è arrivata anche se in questi giorni la temperatura non è proprio mite.  I campi pullulano di erbette spontanee con il quale poter cucinare qualche piatto delizioso. Per questa ricetta, ho usato degli strigoli o Silene Vulgaris, pianta che cresce spontanea in tutt’Italia. In cucina si usano i giovani germogli, ricchi di vitamina C. Nella tradizione popolare prende il nome di Strigolo in quanto in primavera quest’erba dà origine a decine di rosette fogliari, carnose e tenere, che se fatte rotolare fra le dita stridono da quì il nome stritolo o strigolo.

Ma veniamo alla ricetta….

Ingredienti:

240 gr. Farina T1

70 ml Olio Evo

70 ml Vino Bianco

Sale Marino Integrale

Procedimento:

Per prima cosa, preparare la Pasta brisèe unendo tutti gli ingredienti fino a formare una palla liscia e omogenea che farete riposare in frigo almeno un’ora.

DSC_0483

Nel frattempo, lavare e mondare le erbette, poi  sbollentarle in acqua salata per pochi minuti. A questo punto prendete le erbette, strizzatele e saltatele in padella con olio evo e aglio. 

Successivamente, stendete la pasta su una spianatoia infarinata e rivestire uno stampo da 24, lasciate i bordi alti e mettete all’interno gli strigoli saltati.

DSC_0486

Infornare a 200° per 45 minuti circa, finchè la pasta non risulta leggermente dorata.

11082259_928616577203108_3136077530972164542_o

Adesso tocca a voi….Buon Appetito!!!!!

Riso Integrale alla Silene Alba

DSC_0527

La ricetta che vi propongo oggi è stata protagonista del menu di sabato 28 Marzo 2015 in occasione di un evento che ho organizzato in collaborazione con la dottoressa Mira Tonioni ( http://www.mirabio.wordpress.com ) e la blogger Carmen Luciano ( http://www.sbarellababyanimals.com ) . Abbiamo proposto una passeggiata di riconoscimento erbe spontanee da usare in cucina presso il bosco che circonda il mio ristorante ” Il Focolare “  sito in San Vivaldo ( Montaione, Firenze) nel convento dei frati francescani. foto aerea A seguire io e Daniele , nonché  mio marito e chef , abbiamo proposto un menù completamente vegetale dall’antipasto al dolce realizzato con erbe spontanee dell’Azienda Agricola Biologica Forrà Pruno di Lamporecchio (PT). Uno dei piatti che è più piaciuto è stato proprio questo: Risotto integrale con la Silene Alba. La Silene Alba e una pianta perrenne, alta fino a 80 cm, ramosa e uniformemente pelosa; foglie ellittiche con i fiori che si aprono di sera per essere impollinati da farfalle crepuscolari.  Si racconta che Bacco avesse un compagno di nome Sileno con una gran pancia rotonda. Ma probabilmente questo nome è anche connesso con la parola greca “sialon” (= saliva); un riferimento alla sostanza bianca attaccaticcia secreta dal fusto di molte specie del genere. Ilnome specifico (e quello comune = “alba/bianco”) si riferisce al candido colore bianco dei suoi petali. Ma veniamo alla ricetta. Ingredienti: 350 gr di Riso Integrale Un Mazzetto di silene Alba Una Cipolla Olio Evo Sale, Pepe Un pizzico di Curcuma Brodo Vegetale Procedimento: Innanzitutto, lavare accuratamente la Silene.  In una casseruola fate soffriggere un battuto di cipolla nell’olio, e successivamente aggiungete il riso e fetelo tostare. DSC_0481 A questo punto aggiungere la Silene e fatela insaporire dopodiché aggiungete un po’ del brodo. DSC_0492 Portare a cottura ultimata il riso e se necessario aggiungete ancora brodo. A fine cottura aggiustate di sale, pepe raggiungete un pizzico di Curcuma. Finalmente il piatto è pronto. Impiattate e servite. DSC_0527 Adesso tocca a voi … Buon Appetito!!!!

Biscotti ai Fiori di Camomilla

DSC_0365

Quotidianamente bevo infusi e tisane di ogni genere, ma la camomilla è quella che più adoro, soprattutto il suo aroma così delicato e gentile.

La Camomilla è conosciuta anche con il nome di Matricaria,  potrebbe derivare dal latino mater (madre) o matrix  (utero), perché in passato veniva data alle donne partorienti perché si sosteneva che avesse un’azione benefica sulla muscolatura.

Questo tenero fiorellino, ha molteplici proprietà: analgesiche, sedative, antinfiammatorie, digestive, antispastiche ecc.

Nella simbologia dei fiori quest’erba è la rappresentazione della forza nelle avversità, quindi oltre ad essere dolce ed amorevole, la pianta da la forza di combattere contro le ostilità della vita quotidiana.

Esiste anche una leggenda sulla Camomilla: Durante la fuga in Egitto la Madonna era molto stanca e non c’era nemmeno un’albero per potersi fermare e riposare, finchè non giunsero in una piccola oasi, dove fiorivano queste piccoli fiori bianchi. Maria stava per bere quell’acqua quando Gesù bambino fece un cenno: alcuni capini di camomilla staccandosi dal gambo caddero nella ciotola di Maria. Grazie ad essi la bevanda calmò e dissetò la Madonna, così Gesù la benedisse dicendo: “Da ora in poi sarai la pianticella che calmerà le mamme quando sono nervose e non riescono ad addormentarsi, sicché sarai chiamata l’erba del buon sonno”.

Ma dopo tutte queste curiosità veniamo  a noi, dato che questi primi giorni di primavera ci hanno portato un po’ di tepore dopo tanta pioggia, quindi mi è venuta voglia di qualcosa di profumato e delicato, un tocco di dolcezza e tenerezza che ci faccia sentire proprio il tepore della Primavera.

Ecco la ricetta di questi biscottini che io definirei delicati e pieni di dolcezza.

Ingredienti:

100 gr di Farina di Mais Fioretto oppure Bramata passata al mixer

100 gr di Farina T1

60 gr Amido di Mais

5 gr di Cremor Tartaro

90 ml Olio di Mais (spremuto a freddo)

1 pizzico di Sale

60 gr di Zucchero di Canna

2 Cucchiai abbondanti di Camomilla essiccata

Latte di Soia q.b.

Scorza di un limone oppure vaniglina

Procedimento:

Passare nel Mixer i fiori di Camomilla e passarli al setaccio, poi unire a tutti gli altri ingredienti secchi. A questo punto aggiungere l’olio e la scorza di limone e impastare aiutandosi con il latte fino a che non si ottiene un panetto, si avvolge nella pellicola e si lascia riposare una ventina di minuti.

DSC_0351

Poi si stende con il matterello e con delle formine si procede con il preparare i biscotti.

DSC_0354

A questo punto si posizionano sulla carta da forno e si infornano per 10-15 minuti a 180° (dipende sempre dal forno).

DSC_0357

E voilà nella stanza ci sarà questo dolcissimo aroma di camomilla.

Adesso tocca a voi: Buon Appetito!!!

DSC_0362

Tagliatelle di Lenticchie alla Crema di Zucca Butternut

DSC_0299

Quest’anno abbiamo raccolto molte zucche tra cui la Zucca Butternut ovvero Cucurbita Moschata varietà americana tardiva, a forma di campana, con pelle liscia di colore verde chiaro, che invecchiando diventa colore ocra. La polpa si presenta soda ma tenera e di colore arancio, il sapore ricorda quello della nocciola.

Con questa zucca ho deciso di condire delle tagliatelle di lenticchie.

Ingredienti per la pasta:

200 gr Farina di lenticchie

300 gr Farina Rimacinata di Grani duri antichi

250 Ml Acqua

2 Cucchiai di Olio Evo

Sale

Ingredienti per il condimento:

1 Zucca Butternut

1 Carota

1 Costa di Sedano

1 Cipolla

Olio Evo

Procedimento:

Innanzitutto lavare la zucca, sbucciarla e tagliarla a dadini poi preparate un battuto con carota, sedano e cipolla e fatelo soffriggere con un filo d’olio, quando questo risulta imbiondito, unire la zucca e lasciarla rosolare dopodiché aggiungere del brodo e lasciarla cuocere.

DSC_0285

Adesso preparate le tagliatelle disponendo la farina a fontana sulla spianatoia.

DSC_0287

Impastate tutti gli ingredienti sino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Avvolgere in una pellicola e falò riposare in frigo.

DSC_0288

Adesso formare delle sfoglie.

DSC_0291

Con le sfoglie ottenute preparate le tagliatelle.

DSC_0292

Nel frattempo mettere una pentola di acqua salata sul fuoco e quando bolle buttare le tagliatelle. Successivamente prendere una parte della zucca e con un frullatore ridurla in crema. Scolare le tagliatelle e saltarle in padella con la zucca e unire la crema.

DSC_0299

Adesso impiattate e servite….. buon Appetito!!!!!

Zuppa di cavolo Cappuccio e Cannellini

DSC_0169

Con questo freddo cosa c’è di meglio di una bella zuppa calda, con prodotti tipici di questa stagione: i Cavoli…in questo caso Cappuccio.

DSC_0171

Il cavolo è una delle verdure più nutrienti e salutari del mondo. Dovrebbe essere considerato fondamentale per la nostra alimentazione, per via della ricchezza e varietà delle sua proprietà benefiche. Il cavolo è un potente antinfiammatorio naturale, ricco di ferro, di fibre, di calcio e  di acidi grassi (omega 3 e omega 6), inoltre rinforza il sistema immunitario.

Ma veniamo alla nostra ricetta.

Ingredienti:

Circa 3 bei Cavoli Cappucci

300 gr di Fagioli Cannellini

Sale Marino Integrale

Olio Evo

Procedimento:

Cuocere i fagioli Cannellini in abbondante acqua e con qualche foglia di salvia. Nel frattempo mondare e lavare il Cavolo e metterlo a lessare in una pentola a parte. Quando i fagioli risultano cotti toglierne una parte e ridurla in crema con un frullatore ad immersione. Successivamente unire il purè ottenuto e il cavolo lessato ai restanti fagioli interi dove sarà rimasta anche la loro acqua di cottura.

A questo punto impiattate e servite con un filo d’olio e con dei crostini di polenta.

DSC_0169

Adesso tocca a voi……. Buon Appetito!!!!!

Macine vegan

DSC_0263

Questi biscottini sono l’ideale per una colazione, i miei bimbi li adorano.

Ingredienti:

300 gr di Farina T1

130 gr di Burro all’olio

80 gr zucchero di canna

1 Cucchiaino abbondante di Cremor Tartaro

Un pizzico di Sale marino Integrale

50 gr di Panna

un pizzico di Curcuma

Procedimento:

Per prima cosa setacciare tutti gli ingredienti secchi.

DSC_0249

Adesso aggiungete il burro all’olio e cominciate a sfregarlo tra le mani aiutandovi con la farina. Il risultato dovrebbe essere il seguente. Successivamente aggiungete la panna.

DSC_0251

Formare una palla, ricopritela con la pellicola trasparente e riponetela in frigorifero per almeno mezz’ora.

DSC_0253

Stendete l’impasto tra due fogli di carta da forno, formando  una sfoglia di circa 7 mm e tagliare i biscotti conforma circolare.

DSC_0255

Con l’aiuto di un levatorsoli ho fatto il forellino centrale.

DSC_0256

Disponete i biscotti in una teglia ricoperta di carta da forno e infornate a 180° per 10-15  Minuti.

DSC_0257

Sfornare i frollini di pasta frolla e lasciarli raffreddare completamente su una gratella.

DSC_0261

Adesso tocca a voi …..Buon Appetito!!!!

Gnocchetti di Quinoa e Ragù di Seitan

Premetto che non amo molto il Seitan, ma dato che mio figlio Gabriele lo adora di tanto in tanto lo propongo.

Ingredienti per la Pasta:

400 gr di Semola di Grano Senatore Cappelli

200 gr di Farina di quinoa

2 cucchiai di fecola

Sale marino Integrale

300 Ml di acqua calda

Ragù di Seitan

Seitan autoprodotto

Procedimento:

Per prima cosa, disporre gli ingredienti a fontana sulla spianatoia e versare al centro l’acqua piano piano poi cominciare ad impastare fino a formare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigo per 20 minuti.

DSC_0083

Riprendere l’impasto, prelevarne un pizzicotto e con le dita passarlo sull’apposito strumento di legno per fare  gli gnocchi oppure usare i rebbi della forchetta.

DSC_0126

Nel frattempo mettere abbondante acqua salata sul fuoco e appena bolle buttare gli gnocchetti. A cottura ultimata condite con il ragù.

DSC_0142

Ecco qua il piatto è pronto…..Buon Appetito!!!!

Pre

Orecchiette di Sorgo alle Cime di Rapa

Oggi dato che nel mio orto c’erano numerose cime di rapa mi è proprio venuta voglia di fare le orecchiette alle cime di rapa.

Questi ortaggi sono tipici del sud e sono ricche di minerali, soprattutto calcio, fosforo e ferro, e vitamine, in particolare A, B2 e C., inoltre, sono piuttosto ricchi di proteine, hanno proprietà disintossicanti e sono poco caloriche.

Il sorgo (Sorghum vulgare) è il quinto cereale per importanza nell’economia agricola mondiale. Riccho di fribre, ma privo di glutine. Il sorgo è chiamato anche “saggina”, perché alcune varietà di questa specie sono utilizzate appunto per la fabbricazione di scope o di spazzole.

Ma veniamo alla ricetta.

Ingredienti per la Pasta:

400 gr di Farina di Grano Duro

200 gr di Sorgo

2 cucchiai di Amido (fecola o maizena)

1 Cucchiaio di Olio Evo

sale

300 ml di Acqua calda

Ingredienti per il Condimento:

Un mazzetto di Cime di Rapa

Olio Evo

Uno spicchio d’Aglio

Procedimento:

Per prima cosa, setacciare le farine con l’amido e il sale, successivamente disporli a fontana sulla spianatoia e mettere al centro l’olio e l’acqua. Cominciare  a stemperare il liquido con la farina e dopo cominciarlo a lavorare con le mani fino a formare un panetto piuttosto elastico. Avvolgerlo nella pellicola e farlo riposare venti minuti.

DSC_0083

Riprendere l’impasto, toglierne un pezzettino e creare delle striscioline.

DSC_0112

Tagliare le striscioline a tocchetti.

DSC_0114

A questo punto prendere un tocchetto appoggiarvi sopra il pollice e strusciarlo sulla pasta sino a creare un ricciolo.

DSC_0115

Riprendere il ricciolo e rigirarlo con le mani.

DSC_0119

DSC_0120

E voilà le orecchiette sono pronte.

DSC_0123

Adesso mettere l’acqua a bollire. Nel frattempo lavate e mondate le cime di rapa e intanto mettete un filo d’olio con uno spicchio d’aglio e lasciatelo imbiondire dopodiché aggiungete le cime di rapa e lasciatele insaporire.

DSC_0134

Scolare le orecchiette e aggiungerle alle cime di rapa.

DSC_0135

Saltatele e voilà il gioco è fatto…non vi resta che impiattare.

Buon Appetito!!!!!

DSC_0137

Riso Integrale con Porri, Patate e fiori di Ramerino

DSC_0106

Stamani uscendo di casa ho visto le mie piante di Ramerino ricoperte di fiorellini blu e mi son chiesta cosa potevo fare con quei fiori….bene sono andata nel mio orto ed ho cercato di trovare delle verdure dolci che smorzassero il sapore forte del ramerino, bene ho preso i porri e le patate.

DSC_0070

Mi sono incuriosita ed ho fatto alcune ricerche… bè è bellissimo conoscere leggende sui fiori e raccontarle ad i nostri bimbi …e soprattutto vedere come ti ascoltano sbalorditi. Insomma secondo una leggenda cristiana si narra che originariamente i fiori del rosmarino erano bianchi, fino quando un arbusto di rosmarino offrì riparo alla Vergine Maria e a Gesù durante la fuga in Egitto. Successivamente Maria appese il proprio manto alla pianta e i fiori si colorarono di azzurro. Si racconta anche che questa pianta fiorisca nel giorno della Passione.

Oltre alla leggenda è importante sapere  le proprietà di questa pianta, che secondo recenti ricerche, l’uso regolare del rosmarino mantiene giovani e migliora la circolazione sanguigna, aiutando soprattutto chi si sente privo di forze e debilitato, magari a causa di cali di pressione. Grazie ai suoi potenti antiossidanti il rosmarino svolge un ruolo protettivo nei riguardi del fegato, organo che risente più di tutti gli effetti dello stress.

Ma veniamo al nostro Risottino.. vi scrivo la ricetta.

Ingredienti:

350 gr di Riso Integrale

2 Porri

2 Patate

1 spicchio d’Aglio

un mazzetto di Ramerino Fiorito

Olio evo

Sale e Pepe

Procedimento:

Per prima cosa lavare e tagliare il porro a rondelle, poi sbucciare le patate e tagliarle a dadini. Nel frattempo mettere uno spicchio d’aglio in una padella con un filo d’olio evo, quando l’aglio comincia ad imbiondire aggiungere le patate e i porri e lasciateli insaporire. Togliete l’aglio e prelevate un paio di mestoli che dovrete frullare in modo da creare una cremina da aggiungere al riso ultimato.

DSC_0088

A questo punto aggiungere il riso che avrete precedentemente sciacquato e lasciatelo tostare fino a che il chicco non diventa bello lucido.

DSC_0089

Adesso potete aggiungere del brodo vegetale  caldo fino a ricoprirlo e lasciatelo sul fuoco a fiamma dolce fino a cottura ultimata del riso.

DSC_0090

Infine quando riso è cotto aggiungete la cremina che avete messo da parte, con un trito di aghi di ramerino e un paio di cucchiai abbondanti di besciamella per dare un po’ di cremosità.

DSC_0096

A questo punto impiattate e decorate con dei fiori di rosmarino.

DSC_0103

Adesso tocca a voi….

Buon Appetito!!!!!